nocetoinaugurazione-003

 La “Cooperativa Samidad” è una cooperativa sociale ai sensi dell'art. 1 lettera a) della Legge n. 381/91.

E' iscritta :

  • nel Registro delle imprese di Chieti al n° 3539 ( Tribunale di Lanciano );
  • nel Registro Ditte della C.C.I.A.A. di Chieti al n° 101866;
  • nel Registro Prefettizio delle D.P. n° 651 del 26.04.95 al n° 169 Sez. mista e sociale;
  • nell'Albo Regionale delle Cooperative Sociali Sez.ne A decreto n° 72 del 20/02/96.

La finalità della Samidad si possono sintetizzare nel primo comma dell'art. 4 dello Statuto Sociale.

L'oggetto sociale è il seguente: La cooperativa senza fini di lucro ha lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini, attraverso la completa applicazione della L.381/91 e L.R. 85/94 e specificatamente a mezzo della gestione di servizi socio sanitari ed educativi.

La Samidad si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale e in rapporto ad essi agisce.

Questi principi sono: la mutualità, la solidarietà, la democraticità, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le Istituzioni Pubbliche, il rispetto della persona, la priorità dell'uomo sul denaro.

 

Progetto Samizdat

Samizdat (самиздат; pron.: səmᵻˈzdat) in russo significa "edito in proprio", e indica un fenomeno spontaneo che esplose in Unione Sovietica e nei paesi sotto la sua influenza (Cecoslovacchia, Polonia, ecc.) tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta.

In pratica consisteva nella diffusione clandestina di scritti illegali perché censurati dalle autorità o in qualche modo ostili al regime sovietico. In tale periodo, quello che era un fenomeno spontaneo e irregolare fece un salto qualitativo e divenne una sorta di canale di distribuzione alternativo. Fu il principale "strumento" (e quasi l'unico) che il nascentedissenso si diede per poter vivere e comunicare, al punto che talvolta è identificato con esso.

Il samizdat sovietico è stato un fenomeno unico nel suo genere. Riprodurre in proprio (a mano o con la macchina per scrivere, raramente col ciclostile) dei testi che la censura di stato non avrebbe mai fatto passare non era un'attività che riguardasse solo la letteratura, anzi, in esso confluirono all'inizio documenti di ogni genere, materiali segreti, proteste e appelli, versi, romanzi, saggi filosofici. Ma alla fine degli anni cinquanta l'uso di riprodurre in proprio i testi e di diffonderli assunse una consapevolezza precisa e si diffuse a macchia d'olio.

Il meccanismo era semplice: l'autore scriveva il testo facendo alcune copie con la carta carbone, poi le distribuiva agli amici; se questi lo trovavano interessante lo distribuivano a loro volta raggiungendo così gli angoli più remoti del paese.

Nonostante la mancanza assoluta di guadagni e gli evidenti rischi, al samizdat non mancarono mai autori interessanti e diffusori pieni di abnegazione. Grazie al fatto di richiedere strumenti tecnici semplicissimi era l'unico mezzo praticabile in Unione Sovietica per aggirare il monopolio statale sulla circolazione delle idee e delle informazioni.

I fascicoli del samizdat passavano rapidamente di mano in mano, e capitava di avere in lettura un testo per una sola notte, perché la lista d'attesa era lunghissima. Allora il fortunato passava la notte in bianco, immerso nella lettura, e magari invitava gli amici a partecipare.

I poeti e gli scrittori del samizdat furono talora processati, incarcerati, messi in ospedali psichiatrici e lager, puniti, espulsi, uccisi, persero lavoro e posizione sociale.

nocetoinaugurazione-009